Blog Detail

Adriano Falvo tra Nunziatella e giornalismo

le attività culturali dell’Associazione ex allievi Nunziatella – ospite Kroumov

19 Mag , 2016,
ICM
,
No Comments

invito

Dopo i saluti di Gennaro Famiglietti, presidente dell’Istituto, e l’introduzione di Alessandro Ortis, presidente dell’Associazione, saranno illustrati la pubblicazione Adriano Falvo tra Nunziatella e giornalismo e la rivista di cultura, arte e letteratura Sud, edita dalla libreria Dante & Descartes.

Interverranno Aldo Carriola, presidente della sezione Campania – Basilicata dell’Associazione, Vincenzo Maria Siniscalchi, componente emerito del Consiglio superiore della magistratura, Claudio Silvestri, segretario del Sindacato unitario giornalisti della Campania, Eleonora Puntillo, direttore responsabile di Sud, Giuseppe Catenacci, presidente onorario dell’Associazione e Raimondo Di Maio, editore della rivista.

Ospite d’onore il compositore e pianista bulgaro Roumen Kroumov.

la pubblicazione su Adriano Falvo

Nato a Napoli nel 1908, Adriano Falvo è stato un protagonista del mondo giornalistico, culturale e sportivo. Dopo gli esordi al Mezzogiorno sportivo e al Roma, dal dopoguerra, sino alla pensione, fu redattore de il Mattino. Collaborò a periodici, come il Mattino illustrato e Tutti gli sport, e fu critico musicale del Corriere di Napoli. Per circa trent’anni rivestì incarichi direttivi nel sindacato dei giornalisti, presiedendo l’Associazione napoletana della stampa (dal ‘52 al ‘79), la giunta esecutiva della Fnsi – Federazione nazionale della stampa italiana (dal ‘62 al ’70) e, successivamente, della stessa Fnsi (fino al settembre 1974). Dal ‘74 al ‘78 fu sovrintendente del teatro di san Carlo.

L’Associazione nazionale ex allievi Nunziatella e la sua sezione Campania – Basilicata, proseguendo nelle pubblicazioni dedicate ai presidenti del sodalizio, hanno voluto ricordare l’ex allievo Falvo del corso 1923-‘26 che fu presidente dal 1977 al 1981.

Curato da Giuseppe Catenacci e Aurelio Vitiello, il volume, Adriano Falvo tra Nunziatella e giornalismo. Una vita: due passioni: 1908 – 1981, è un agile pamphlet, riccamente illustrato, introdotto dal presidente dell’Associazione Alessandro Ortis (corso 1958-‘62). Seguono le testimonianze di Vincenzo Maria Siniscalchi, Aldo Carriola (corso 1966-‘70), presidente della sezione Campania – Basilicata, Max Vajro, Giacomo Lombardi d’Aquino (corso 1947-‘50), Maria Luisa d’Aquino, Luciano Lombardi d’Aquino (corso 1954-‘58) e dello stesso Catenacci (corso 1953-‘56).

Seguono momenti della vita trascorsa nel triennio ed estratti di alcuni dei momenti più significativi della vita pubblica di Falvo. In chiusura l’appassionato e puntuale ritratto del figlio Rodolfo, giornalista sulle orme del padre.

la rivista di cultura Sud

La rivista culturale Sud nasce a Napoli nel 1945. Fondata e diretta da Pasquale Prunas, ha una breve ma intensa vita fino al 1947, vedendo la collaborazione dei più bei nomi dell’intelligencija non solo partenopea, come Luigi Compagnone, Samy Fayad, Giuseppe Patroni Griffi, Raffaele La Capria, Ennio Mastrostefano, Anna Maria Ortese, Vasco Pratolini, Francesco Rosi, Rocco Scotellaro, Tommaso Giglio, Domenico Rea e Gianni Scognamiglio.

Il progetto originario riprende nel 2004 – interrompendosi nel 2011 – a opera di un gruppo di redattori e scrittori tra cui Renata Prunas, Antonio Ghirelli (già nel primo Sud), Francesco Forlani, Eleonora Puntillo, Giampaolo Graziano, Martina Mazzacurati, Claudio Franchi, Paolo Trama e Luigi Esposito, ospitando firme come Mariano Bàino, Esteban Buch, Sylvano Bussotti, Ennio Cavalli, Aldo Clementi, Biagio Cepollaro, Béatrice Commengé, Alain Danielou, Dominique Delcourt, Erri De Luca, Luis De Pablo, Petr Král, Milan Kundera, Jean-Claude Izzo, Roberto Masotti, José Muñoz, Stefania Nardini, Marco Palasciano, Matteo Palumbo, Silvio Perrella, Felice Piemontese, Lakis Proguidis, Roberto Saviano, Tiziano Scarpa, Gianni Scognamiglio e Wu Ming.

«Il numero di Sud che viene presentato – spiega il direttore responsabile Eleonora Puntillo – reca grosso e rosso un 80 che è una dedica, un augurio, un ricordo: la dedica è agli 80 anni di Renata Prunas, erede e splendida conservatrice della memoria di una rivista che nacque nella Nunziatella, ebbe vita forte, tormentata e breve nella Napoli del dopoguerra, rappresentò una novità culturale di cui tardivamente ci si è resi conto, testimoniò con le sue pagine, con la sua fine, e con i successi (anche durevoli trionfi letterari) ottenuti da coloro che scrissero su quelle colonne ma solo quando fuggirono dalla città, quanto destino positivo fu impedito a Napoli dalla miope e arretrata politica dell’epoca».

«L’augurio del presidente onorario di Sud Giuseppe Catenacci – conclude il direttore della rivista – è per Renata, perché Sud possa restare ancora per molto una piazza culturale internazionale, aperta alle novità e forte di autori che possono rivelarsi, confermarsi, rinascere».

le firme di questo numero di Sud

Per la poesia: Severino Cesari, Luigi Spina, Pasquale Panella, Vincenzo Frungillo.

Per la letteratura e il racconto: Lucio Saviani, Giulio Ciavolillo, Massimo Rizzante, Ingo Schulze, Francesco Bellino e Ahmed Hafiene, Lakis Proguidis, Marek Bieneczyk, Miguel Gallego Roca, Mirco Salvadori, Giusi Marchetta, Alessandro De Vito, Azra Nuhenfendic, Andrea Inglese, Livio Borriello, Viola Amarelli, Anna Smeragliuolo Perrotta, Biagio Cepollaro, Davide Vargas.

Foto: Roger Salloch, Bob Noto, Rino Bianchi, Philippe Schlienger, Marco De Luca, Salvatore Di Vilio.

Immagini: Brichenne, Raffaele Cutillo, Gabriella Giordano, Marco Cingolani, Frédérique Giacomazzi, Beniamino Sorvino, Toya Mastrostefano.

Roumen Kroumov

Nato in Bulgaria nel 1969, dove ha vissuto per il primo quarto di secolo della sua vita, dal 1996 vive in Svizzera.

Svolge un’intensa attività concertistica, in particolare in Europa e Asia.

Ha vinto numerosi concorsi nazionali e internazionali per pianoforte, musica di camera e composizione. Tra i premi conseguiti la Medaglia d’oro dell’Académie internationale des Arts di Parigi nel 1992. Nel 2000 è designato «Musicista dell’anno» in Bulgaria.

È sposato con Xiuwei Sun, la grande cantante cinese impegnata come protagonista, da domenica 22 maggio prossimo, al Verdi di Salerno per la Madama Butterfly diretta da Daniel Oren per la regia di Renzo Giacchieri.

FacebookTwitterGoogle+Google BookmarksCondividi